Pride Month: i nostri consigli per questo mese

Pride Month: i nostri consigli a tema per questo mese

🌈In questo Pride Month ormai inoltrato, ma non ancora finito, abbiamo pensato di consigliarvi dei film, più o meno conosciuti, che trattino tematiche lgbtqa+. E’ bene, soprattutto in questo mese (ma vanno benissimo anche gli altri undici dell’anno) conoscere e imparare il più possibile dalle diverse realtà che comprendono questa vasta e sfaccettata comunità. Questo perché crediamo, ma anche per pensiero comune, che poche cose al mondo plasmino il presente che viviamo come il cinema, dunque ecco i nostri titoli che speriamo vi facciano scoprire e apprendere qualcosa di bello e importante. Ovviamente auguriamo a tutte le persone che ci leggono (o meno) un felice mese del Pride, soprattutto a tutte quelle che non possono festeggiarlo liberamente, sappiate che qui sarete sempre accolte.

A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar: un'immagine del film

A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar - Beeban Kidron

Disponibile su: Now

A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar, esordisce nel 1995 e, al contrario di altri titoli, dove ci sono sempre una storia e un finale straziante, questo è una commedia-road movie irriverente e piena di positività. Certo non mancano i momenti tristi o, perché no, commoventi, ma resta ugualmente una brillante e divertente alternativa per conoscere e/o gioire di un lato del mondo lgbtqa+, le drag queen, sulle quali si concentra la trama. 

Vida Boheme e Noxeema Jackson sono drag queen e amiche da diversi anni e godono di una certa popolarità grazie al loro fascino e impeccabile portamento, esibendosi nei più famosi locali gay di New York: grazie a questo vincono un viaggio a Hollywood e concorrono ad una prestigiosa gara per eleggere la drag queen dell’anno, ma, giusto poco prima di partire, faranno la conoscenza di Chi-Chi Rodriguez, una drag queen agli inizi, sconsolata e un po’ insicura di sè. Vida decide quindi di portarla con loro, barattando i loro biglietti aerei per una macchina, insieme iniziano un viaggio molto più movimentato di quanto si aspettassero. Ma la vera svolta sarà quando per un imprevisto si ritroveranno ad alloggiare in uno sperduto paesino di periferia, dove grazie al loro unico senso estetico, volontà e carisma, stravolgeranno la vita degli abitanti, soprattutto delle donne, ormai abituate alla monotonia e a una mentalità retrograda, donando loro un nuovo punto di vista, forza e speranza, oltre a nuovo guardaroba, che nemmeno osavano sognare. 

Questa pellicola è ricca di citazioni, più o meno velate, a grandi classici del cinema e ovviamente di costumi incredibili e perfettamente abbinati, ma il punto forte è l’umorismo, a volte sboccato, a volte provocatorio, che riesce sempre a stemperare le situazioni, anche quelle più critiche. Soprattutto ci viene regalata una chiara e schietta distinzione tra diversi termini che, sfortunatamente, vengono ancora spesso confusi o usati come sinonimi, o peggio, usati ancora come se fossero insulti. 

Non da meno, nel corso del film ci vengono dati scontati e banali stereotipi sugli uomini gay dall’antagonista della storia, se così vogliamo chiamarlo, oltre alla sempre presente associazione con comportamenti e interessi femminili, come se fossero di categoria inferiore. Questa retorica ce la siamo trascinata dietro in maniera estenuante e ridicola per troppo tempo, quando si potrebbe semplicemente smettere di incasellare cosa ci piace o meno, smettere di dare un genere a cose belle come vestiti e trucco, e lasciar vivere le persone liberamente, esprimendosi come più preferiscono.

Aristotele e Dante scoprono i segreti dell'universo: copertina del libro

Aristotele e Dante Scoprono i Segreti dell’Universo - Benjamin Alire Sàenz

Per cambiare un po’, passiamo ad una lettura che potrebbe stupirvi piacevolmente. Aristotele e Dante Scoprono i Segreti dell’Universo è un romanzo del 2012 (ma edito in Italia solo dal 2015 da Loescher) di Benjamin Alire Sàenz, autore omosessuale di molti libri per l’infanzia e young adult. Aristotele e Dante sono i protagonisti di questo romanzo di formazione pensato proprio per giovani ragazzi: due quindicenni alle prese con tutti i problemi che l’adolescenza porta con sé e, in più, si ritrovano davanti anche alla ricerca e scoperta del proprio orientamento sessuale, della sua accettazione e di ogni sentimento legato all’amore. Una tenera storia che sa di estate e che scalda il cuore, quello di Aristotele e Dante è il racconto che ogni ragazzo e ogni ragazza alle prese con le difficoltà di un momento tanto delicato dovrebbe leggere.

Love, Victor: una scena della serie

Love, Victor - Disney+

Disponibile su: Disney+

Se le vostre giornate, ora che si è fatta estate, sembrano interminabili e avete voglia di staccare per un po’, Love, Victor è la serie televisiva perfetta per voi. Pensata come sequel spin-off di Tuo, Simon (film del 2018 tratto dall’omonimo romanzo di Becky Albertalli), Love, Victor è stata portata in Italia da Disney+ e si compone, al momento, di due stagioni di cui l’ultima uscita proprio pochissime settimane fa. Sulla scia di Aristotele e Dante, anche Love, Victor è il prodotto perfetto per i giovani in difficoltà o che si trovano in momenti poco facili. Victor è un giovane ragazzo alle prese con un grande fardello: quello del coming out, tema portante dell’intera serie. Dolcezza e innocenza sono le parole chiave di ogni episodio, il che rende Love, Victor il titolo perfetto da guardare per alleggerire i nostri cuori e sentirci, anche, un po’ meno soli.

I segreti di Bokeback Mountain: Heath Ledger e Jake Gyllenhaal in una scena del film

I segreti di Brokeback Mountain - Ang Lee

Disponibile su: Prime Video e Now

Amore, Natura, 3 Premi Oscar e 4 Golden Globes: ecco a voi I Segreti di Brokeback Mountain.

Siamo negli anni ‘60, quando due ragazzi in cerca di soldi si ritrovano a dover collaborare per la gestione di un gregge di pecore tra gli spigolosi scenari delle montagne del Wyoming. La corazza del giovane Ennis Del Mar, interpretato dal compianto Heath Ledger, riuscirà ad essere distrutta solo dall’animo sensibile e premuroso di Jack Twist, nonché Jake Gyllenhaal. Anche se di nascosto, i due si osservano sin dal loro primo incontro, dimostrando quanto l’affetto reciproco non sia prettamente carnale, ma bensì basato su sentimenti reali e profondi. Il regista Ang Lee riesce con maestria a evidenziare il contrasto che avviene tra la fatica e la freddezza del lavoro nelle campagne con la tranquillità e il calore che i due amanti si trasmettono. Tuttavia, poiché il periodo storico non è in grado di accettare un amore diverso da quello tradizionale, i due metteranno su famiglia, rispettivamente con Alma (Michelle Williams) e Lureen (Anne Hathaway). Rabbia, frustrazione e tristezza saranno il risultato di una vita vissuta nella paura e della quantità del tempo passato assieme, sempre troppo poco. Preparate i fazzoletti!

Pride - Matthew Warchus

Disponibile su: Prime Video

Se volete vedere un film pieno di buone prospettive per il futuro, allora Pride, film del 2014 diretto da Matthew Warchus è il titolo di questa lista che fa per voi. Presentato e premiato al Festival di Cannes con la Queer Palm, il film ci riporta ad una vicenda realmente accaduta nella Londra del 1984 quando Mark Ashton, giovane attivista gay e membro della Young Communist League, ebbe l’idea di raccogliere fondi per sostenere lo sciopero dei minatori nell’epoca in cui Margaret Tatcher era ancora Primo Ministro inglese.

Una vicenda strana e affascinante che oltre ad offrire una panoramica sulla comunità lgbtqa+ di quegli anni, compresa la diffusione pandemica dell’AIDS, e a trattare temi quali il coming out e le relazioni, mette in scena una bellissima storia di solidarietà, condivisione e aiuto reciproco tra due gruppi apparentemente molto lontani tra di loro. Nel cast sono diversi i nomi che saltano all’occhio rendendo Pride un film quasi completamente all’inglese: Bill Nighy, Imelda Staunton (Harry Potter), Dominic West, Andrew Scott (Sherlock, Spectre), George MacKay (1917) e Ben Schnetzer (La verità sul caso Henry Quebert).

Fonti

A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar (To Wong Foo, thanks for everything! Julie Newmar, 1995), Beeban Kidron

Benjamin Alire Sàenz, Aristotele e Dante scoprono i segreti dell’universo (Aristotle and Dante discover the secrets of the universe), 2015, Loescher

Love, Victor (2020-in corso), Disney+

I segreti di Brokeback Mountain (Brokeback Mountain, 2005), Ang Lee

Pride (Id., 2014), Matthew Warchus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link
Powered by Social Snap