I consigli di Cinema Cafe: cinque film da recuperare nel 2021

I consigli di Cinema Cafe - Cinque film da recuperare nel 2021

Questa settimana ci spostiamo dal mondo della lettura per addentrarci in quello cinematografico. Abbiamo preparato cinque titoli, cinque film di generi completamente diversi e adatti a chiunque da recuperare nel corso dell’anno e, perché no, magari anche sfruttando questo nuovo periodo di reclusione che ci aspetta. 

Con la speranza che possa portarvi un po’ di leggerezza, vi consigliamo di mettervi comodi e godervi la lettura e poi la visione del film scelto!

kubo e la spada magica

Kubo e la spada magica (2016) - dir. Travis Knight

Il primo film di cui parleremo è un film d’animazione in stop-motion del 2016, Kubo e la spada magica, diretto da Travis Knight. L’esistenza pacifica del piccolo Kubo sembra crollare quando evoca per sbaglio uno spirito vendicativo del passato. Ora in fuga, il ragazzo unisce le forze con Scimmia e Scarabeo per ritrovare l’armatura del padre.

Candidato a due premi Oscar e vincitore del premio BAFTA come miglior film d’animazione, Kubo e la spada magica riesce a creare un mondo visivamente ed emotivamente straordinario, con la capacità di travolgere sia adulti che i più piccoli. Attraverso un intreccio di eventi colmi di avventura, ci troviamo di fronte a un vero e proprio canto d’amore dedicato al paese del Sol Levante, alle sue tradizioni, alla sua cultura e ai suoi paesaggi. Kubo e la spada magica è sicuramente e in tutti gli aspetti un viaggio da vivere fino in fondo.

col war

Cold War (2018) - dir. Paweł Pawlikowski

Con Cold War facciamo un piccolo passo indietro nel tempo grazie al sublime lavoro del regista polacco Paweł Pawlikowski che, nel 2018, realizza un film che potrebbe essere utilizzato per descrivere a pieno il suo personale significato della parola “amore”: sullo sfondo della guerra fredda degli anni Cinquanta in Polonia, due persone di diversa estrazione sociale e temperamento iniziano una burrascosa e appassionata storia d’amore.

Quello a cui si ha il piacere di assistere (e davvero è un piacere) durante la visione di Cold War è un vero e proprio melodramma in bianco e nero, con un aspect ratio di 1:1.37. L’amore che viene raccontato nel film è quello più puro, quello destinato a incontrarsi molteplici volte nel corso del tempo, che perdura a tempeste e ostacoli grazie al solo calore della compagnia: lo stesso amore che il regista ha imparato a riconoscere grazie ai suoi genitori, ai quali il film è anche dedicato e che condividono con i due protagonisti anche il nome.

l'attimo fuggente

L'attimo fuggente (1989) - dir. Peter Weir

Lo so, sembra assurdo pensare che possa esserci ancora qualcuno che non ha visto L’attimo fuggente ma, se così davvero fosse, questa è la vostra occasione per rimediare ai vostri peccati!

L’attimo fuggente è la storia di un insegnante di un liceo per classi abbienti del New England utilizza metodi non convenzionali per esortare i suoi studenti, sotto pressione dai genitori e dalla scuola, alla libertà e creatività.

Dalla sua uscita nel 1989, questo film è diventato un vero e proprio must e fonte d’ispirazione per alcuni grandi autori della dark academia anche grazie al personaggio del professor Keating, interpretato da un magistrale Robin Williams. Rabbia, frustrazione, commozione, ma anche bellezza di ogni particolare  della vita: sono questi gli elementi che fanno de L’attimo fuggente una colonna portante del cinema di formazione, da assaporare in ogni sua sfumatura, negativa o positiva che sia.

il labirinto del fauno

Il labirinto del fauno (2006) - dir. Guillermo del Toro

Nella Spagna del 1944 l’esercito sta piegando le ultime frange di resistenza. La piccola Ofelia trova rifugio in un realistico mondo delle fiabe guidata da una spaventosa creatura mitologica: un fauno.

Guillermo del Toro è ormai noto a tutti per le sue tipiche visioni oniriche in cui fantasia e simbolismo fanno da padroni e Il labirinto del fauno ne è l’esempio perfetto. La sensibilità di Del Toro nel raccontare l’innocenza dell’infanzia raramente trova paragoni adatti. Barocco e sicuramente ispirato anche alle pitture e alle illustrazioni del passato artistico spagnolo, Il labirinto del fauno è una favola che però, riesce a racchiudere ogni singolo aspetto della realtà.

i sogni segreti di walter mitty

I sogni segreti di Walter Mitty (2013) - dir. Ben Stiller

Un uomo dalla vita ordinaria lavora per una famosa rivista ed è segretamente innamorato di una sua collega. Abitualmente, però, fugge dalla propria esistenza mediocre sognando grandi imprese ad occhi aperti, ma l’improvvisa sparizione di una fotografia per l’ultima copertina lo spinge ad affrontare la più grande avventura della sua storia e questa volta per davvero: andare alla ricerca del negativo.
 
L’ultimo titolo di questo articolo è I sogni segreti di Walter Mitty, diretto nel 2013 da Ben Stiller e che lo vede anche nei panni del protagonista. Se in tanti usano il cinema per evadere dalla realtà, questo è il film adatto per riuscire, invece, ad apprezzarla notando gli aspetti che solitamente ignoriamo. I sogni segreti di Walter Mitty è un film dolce, delicato e nostalgico: un elogio alla vita alle occasioni perse, e ancor di più, a quelle che non vediamo l’ora di cogliere al volo. 
Fonti

Valentina Dadda

Studia scienze dei beni culturali ed è innamorata da sempre del cinema e della letteratura, suoi compagni di viaggio da una vita. Affronta le giornate passando da una citazione all'altra e passerebbe ore a parlare di scienza o di femminismo, o di tutte queste cose insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link
Powered by Social Snap