Palm Springs: la commedia che non ti aspetti

Palm Springs: la commedia che non ti aspetti

Max Barbakow

2020

Disponibile su: Amazon Prime Video

3.5/5

Oggi, domani, ieri, è sempre lo stesso.

Dopo la presentazione al festival del cinema di Roma, Palm Springs è uscito nelle sale italiane lo scorso 22 ottobre, esattamente tre giorni prima che un nuovo DPCM decidesse di chiudere nuovamente i cinema di tutta Italia. Purtroppo o per fortuna Prime Video è arrivato a salvare la situazione e ha reso disponibile il film sul suo catalogo a partire dal 9 novembre, permettendo anche a noi italiani di gustarci questa piccola commedia d’esordio di Max Barbakow, uscita già da mesi oltreoceano battendo il record di film più visto nel primo weekend di programmazione sulla piattaforma Hulu.

Il film si è presto guadagnato il sostegno della critica e del pubblico e non è difficile capire il perché: se ad un primo sguardo Palm Springs sembra la solita commedia dove due anime perse si incontrano ad un matrimonio e vivono felici e contenti dopo una serie di peripezie ed equivoci con i vari invitati, in realtà all’interno del film si nasconde un piccolo twist che rende improvvisamente tutto più strano e interessante.

È il 9 novembre, il giorno del matrimonio di Tala ed Abe, e uno svogliato Nyles (Andy Samberg) partecipa alla cerimonia, salvando all’ultimo Sarah (Cristin Milioti), sorella e damigella di Tala, da un discorso improvvisato che non sarebbe stata in grado di tenere. Tutto sembra andare per il meglio ma improvvisamente Sarah si ritrova intrappolata in un loop temporale che, ad ogni risveglio, le fa ripetere la stessa giornata all’infinito.

Palm Springs: scena del film

L’ispirazione arriva tutta da Groundhog Day (Ricomincio da capo, 1993), richiamata nell’audio italiano da quel “Buongiorno marmottino!” con cui si apre il film, ma Palm Springs non si preoccupa solo di farne un remake moderno dai personaggi scialbi e poco comici. Qui non c’è alcuna ragione filosofica dietro, niente da salvare ripercorrendo il passato alla ricerca del proprio futuro, nessuna soluzione romantica per uscire dal loop. L’unico modo è impegnare la testa sfruttando la stessa tecnica imparata da Bill Murray e, prima di ogni cosa, avere il coraggio di lasciare un loop che non è altro che una bolla, una confort zone dove tutto ciò che succede è già successo e sempre succederà e, se qualcosa va male, basta aspettare e resettare e ricominciare. Il loop è una bolla da cui è difficile muovere il primo passo verso un mondo, un futuro pieno di incognite e difficoltà. Nyles e Sarah sono entrambi smarriti nelle loro vite, uno incastrato in una relazione senza sentimento e l’altra persa in una vita senza alcun obiettivo e con un fardello sulle spalle che è costretta a rivivere ogni giorno, eppure in quella vita apparentemente da sogno vanno trovati gli strumenti per uscirne.

L’accoppiata Andy Samberg e Cristin Milioti, lui famoso per i suoi sketch al Saturday Night Live e per la serie comedy Brooklyn Nine-Nine, lei già presente in How I met your mother, Fargo e perfino The wolf of Wall Street, sprizza di vivacità in un film che già di per sé fa dei colori sgargianti e tipicamente estivi il proprio cavallo di battaglia.

In un deserto assolato, tra dinosauri all’orizzonte e terremoti che squarciano il terreno e interrompono il belare di una capra, sulle note di Forever and Ever di Demis Roussos, Palm Springs è la commedia che, in mezzo a tante altre, proprio non ti aspetti.

Gaia Galimberti

Laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università degli Studi di Milano, è cresciuta fantasticando mondi attraverso i libri e, dopo essersi innamorata del cinema, fatica a trovare il tempo per correre dietro a tutte le sue passioni. Sogno nel cassetto: scrivere un libro.

2 thoughts on “Palm Springs: la commedia che non ti aspetti

  • 19 Dicembre 2020 alle 00:35
    Permalink

    Visto questa sera finalmente dopo tanto tempo.
    Avevo alte aspettative sul film, che sono state pienamente soddisfatte!!
    Il film è leggero ma allo stesso tempo ti tiene incollato allo schermo, cercando di mettere insieme i pezzi del racconto. Per quanto semplice inoltre non risulta mai banale, quindi nota assolutamente positiva.
    La coppia di attori principali poi, già apprezzatissima per i loro precedenti lavoro, devo dire che mi è piaciuta particolarmente!
    Film assolutamente promosso, una gioia 😉

    Rispondi
    • 7 Febbraio 2021 alle 15:09
      Permalink

      Il perfetto connubio tra un film leggero e divertente ma che si porta dietro anche dei messaggi importanti. Felice che ti sia piaciuto! ❤️

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link
Powered by Social Snap