La Fantastica Signora Maisel: la terza stagione

La Fantastica Signora Maisel: la terza stagione

La terza stagione della fantastica signora Maisel ci riporta nel colorato mondo dell'America anni Sessanta in una delle migliori serie di Prima Video.

La fantastica signora Maisel: locandina con voto

Stagione 3

Prime Video

2019

4.5/5

Avevamo lasciato nella seconda stagione la nostra fantastica signora Maisel (Rachel Brosnahan) alla rottura del fidanzamento con il dottore Benjamin Ettenberg e in procinto di partire con il suo numero di apertura per il tour del famoso cantante Shy Baldwin (Leroy McClain), ed è proprio qui che ha inizio la terza stagione dell’acclamata e pluripremiata serie comedy di Prime Video.

Attraverso la scrittura della creatrice, scrittrice e regista Amy Sherman-Palladino, La Fantastica Signora Maisel si riconferma essere una delle migliori serie della piattaforma, con la sua incredibile vivacità, ricchezza e schiettezza in grado acchiappare lo spettatore e trasportarlo in questo colorato mondo degli Stati Uniti degli anni Sessanta.

Mrs. Maisel: immagine dalla serie

Miriam Maisel è l’esilarante protagonista della serie, una donna di famiglia ebraica che improvvisamente tradita e abbandonata dal marito decide di tentare la via della comicità per la quale sembra estremamente portata.

In un mondo dello stand up comedy popolato di soli uomini, pronti a guardare con diffidenza una donna che si prende le sue libertà nel parlare di espressione femminile, anche nelle sue parti più “intime”, certamente indiscrete per l’epoca, Miriam cerca di farsi strada raccontando della sua vita di casalinga e della sua strampalata famiglia. Dall’impulsivo padre Abe (Tony Shalhoub) alla più tradizionale madre Rose (Marine Hinkle), dalla testarda manager Susie (Alex Borstein) fino alla segretaria del signor Maisel, in tutta la serie non è facile trovare un personaggio che non sia divertente: i personaggi si rincorrono freneticamente all’interno della cornice famigliare a suon di battute dal ritmo serrato che non lasciano neanche il tempo per respirare.

La serie si fa riconoscere per la sua freschezza e vivacità, riportate visivamente attraverso la scelta di inquadrature dai colori accesi che risaltano dall’infinita e raffinata collezione di abiti di Miriam e dalle ambientazioni sempre curate nei minimi dettagli.

La Fantastica Signora Maisel e la sua manager prendono il sole

L’intesa tra le due ormai pluripremiate attrici Rachel Brosnahan e Alex Borstein è più in forma che mai e i loro personaggi non possono fare a meno l’una dell’altra nella loro continua scalata verso il successo. Susie non si ferma neanche davanti a qualche battibecco e porta avanti perseverante il suo obiettivo, mostrando tuttavia una piccola grande debolezza di cui aspetteremo a vedere le conseguenze nella prossima stagione.

– Ti mancano i tuoi figli?
– Sì, mi mancano.
– Ti senti mai in colpa?
– Mio padre era un commesso viaggiatore. Stava via sei giorni su sette. Nessuno lo trovava strano.

Dopo un’incredibile prima stagione a New York e una seconda nell’ambiente più rilassato delle Catskills, nella terza ci spostiamo negli ambienti lussuosi degli hotel americani durante un tour ricco di sorprese. Qui Miriam dovrà dimostrare a se stessa più che agli altri di essere in grado di gestire la sua indipendenza in quanto donna e in quanto madre: a nulla servono le numerose avance degli uomini che incontra, al momento Miriam è in cerca della sua strada e non può avere nessuno al suo fianco fin quando non troverà se stessa. E le donne che la circondano sembrano seguire le sue orme: Imogene, stanca dell’assenza del marito e interessata a far valere la sua posizione di madre, e Rose che, ormai perse le sue certezze, è decisa a prendere la situazione sotto controllo dopo il rifiuto dei fratelli a farla sedere al tavolo delle trattative.

“C’è una cosa su cui io e te siamo perfettamente d’accordo: la vita di una donna è del tutto precaria quando dipende dai capricci di un uomo. È una lezione che ho imparato anche io a mie spese. Anche tuo padre mi ha sconvolto la vita, mi ha portato via tutto in un batter d’occhio, e ora tocca a me recuperarlo ed è ciò che intendo fare.”

Mrs. Maisel parla con Shy Baldwin

La stagione si chiude con il primo vero cliffhanger della serie e ci lascia trepidanti in attesa della quarta stagione, per la quale è arrivato il rinnovo ad appena una settimana dall’uscita della terza. Quindi, in questa lunga attesa di un anno, non ci resta che aspettare il ritorno della fantastica signora Maisel salutandola con un iconico,

Tits up

Fonti

La Fantastica Signora Maisel, Amazon Prime Video

Gaia Galimberti

Laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università degli Studi di Milano, è cresciuta fantasticando mondi attraverso i libri e, dopo essersi innamorata del cinema, fatica a trovare il tempo per correre dietro a tutte le sue passioni. Sogno nel cassetto: scrivere un libro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link
Powered by Social Snap