Johnny Depp, la nuova 007 e A Quiet Place – Weekly News

Johnny Depp, la nuova 007 e A Quiet Place - Weekly News

Johnny Depp licenziato da Animali Fantastici

Johnny Depp licenziato (e rimpiazzato) dalla Warner Bros

Johnny Depp non sarà più Grindelwald nella saga di Animali fantastici. La notizia è risuonata questa settimana in ogni angolo del web dopo che l’attore ha rivelato il licenziamento su Instagram:

[…] mi è stato chiesto dalla Warner Bros. di ritirarmi dal ruolo di Grindelwald in Animali Fantastici e ho deciso di rispettare e concordare a questa richiesta.

Si sono subito levate le polemiche da parte del web che si è subito per la maggior parte schierato dalla parte dell’attore, criticando la scelta della Warner Bros. e lanciando petizioni per chiedere di riassumerlo.

Il terzo film della saga di Animali Fantastici, intanto, dopo essere già stato rimandando in seguito al relativo fallimento di Animali Fantastici: i crimini di Grindelwald, sta subendo nuovi ritardi a causa della pandemia e, ora, a causa del licenziamento di Johnny Depp e la sua sostituzione con un nuovo attore che subentrerà nel ruolo.

Ma vediamo bene cosa è successo.

È il 2016 quando Amber Heard, dopo appena quindici mesi di matrimonio, chiede il divorzio e un ordine restrittivo, sostenendo di essere stata fisicamente abusata dal marito sotto l’influenza di alcol e droghe. Il tutto sembrava tuttavia essersi risolto con accordo in cui entrambe le parti affermavano di aver avuto una relazione appassionata e a volte pericolosa ma sempre unita dall’amore. Nel 2018 la Heard scrive però una lettera al Washington Post dichiarando di essere stata vittima di violenza domestica ma non nominando mai per nome l’ex marito. Nel 2019, Depp fa quindi causa alla ex moglie per diffamazione sostenendo come la Heard non sarebbe una vittima di violenza domestica ma, al contrario, colpevole a sua volta di violenza nei suoi confronti. La causa è ancora aperta.

Tra le battaglie legali dell’attore nel tentativo di riacquistare la reputazione vi è anche quella contro il noto tabloid inglese The Sun, secondo l’attore colpevole di diffamazione nei suoi confronti per averlo definito in un articolo del 2018 come un “wife beater”.

Il processo di quest’ultima causa si è tenuto lo scorso luglio per tre settimane, dove Depp ha accusato a sua volta la ex moglie di abusi e di tradimento, e si è concluso proprio la scorsa settimana con la decisione finale del giudice a favore del The Sun. Il giudice si è espresso riguardo a 14 episodi presentati nel processo e, ritenendone veritieri 12, ha quindi deciso che il The Sun avesse ragione a definirlo un “wife beater”.

Alla luce della decisione del giudice, che ha in sostanza ritenute veritiere le accuse di violenza nei confronti di Johnny Depp, la Warner Bros. ha quindi chiesto all’attore di lasciare il ruolo nella saga di Animali Fantastici e, gira voce, di sostituirlo con Mads Mikkelsen.

Il web si è schierato a favore di Johnny Depp, sottolineando come Amber Heard, sotto contratto con la Warner per il ruolo di Mera in Justice League e Aquaman, nonostante sia stata accusata dal marito di violenza nei suoi confronti sia al contrario ancora sotto contratto.

Si tratta di un’ingiustizia?

Secondo il web sì, ma ricordiamo che Warner Bros. ha licenziato Depp solo dopo un verdetto che lo ha ritenuto colpevole, sostenendo l’attore per quattro anni prima di raggiungere questa decisione. Dovrebbe essere licenziata anche Amber Heard? Non c’è ancora alcuna sentenza che la dichiari colpevole e, se questo dovesse accadere, Warner Bros. prenderà i provvedimenti che riterrà più opportuni.

È facile prendere le parti di uno o dell’altra, soprattutto quando si tratta di attori che amiamo per i loro ruoli iconici in film che portiamo nel cuore, ma non abbiamo in mano le prove per sentenziare a favore di nessuno dei due, tanto meno per prenderne le parti.

Intanto, Johnny Depp ha dichiarato che ricorrerà in appello per la sentenza del processo contro il The Sun e, ricordiamo, l’anno prossimo si terrà il processo per l’accusa di diffamazione ad Amber Heard per la sua lettera sul Washington Post dove emergeranno sicuramente nuovi dettagli.

lashana lynch

Lashana Lynch è il nuovo volto della saga 007

Già da tempo giravano alcuni rumours secondo i quali, dopo Daniel Craig, sarebbe stata una donna a vestire i panni dell’agente 007, protagonista del celebrissimo e fortunato franchise. Finalmente è arrivata la conferma: durante un’intervista, è stata la stessa attrice, Lashana Lynch (Captain Marvel) ad affermare che nel prossimo film in uscita nel 2021, No Time To Die, prenderà il posto di Craig come nuovo “agente con licenza di uccidere”. Ovviamente, non vestirà il ruolo dell’iconico James Bond ma sarà un personaggio completamente nuovo che, almeno inizialmente, affiancherà il personaggio di Bond mentre si trova in esilio per poi sostituirlo. In questo modo, l’attrice entra di diritto nella storia del cinema proprio come la prima donna 007 di sempre: sicuramente non una cosa da poco e noi non vediamo l’ora di vederla in azione. Ricordiamo che, salvo eventuali nuovi rinvii, l’uscita del film è prevista per aprile 2021. 

a quiet place

In arrivo lo spin-off di A Quiet Place

Sono passati ormai due anni dall’uscita A Quiet Place, il film horror diretto da John Krasinski che nel 2018 riuscì a conquistare il panorama cinematografico internazionale. Dopo l’incredibile successo, la Paramount Pictures annunciò quasi immediatamente di essere già al lavoro per la realizzazione di un film sequel che sarebbe dovuto uscire lo scorso maggio e rimandato poi a causa della pandemia globale di Covid. Dopo ulteriori rinvii, l’uscita è stata posticipata ufficialmente al 23 aprile 2021. Non è tutto, perché A Quiet Place sembra avere tutte le carte in regola per diventare un franchise di successo e, infatti, la scorsa settimana è stata annunciata anche la preparazione di un terzo film: questa volta si tratterà di uno spin-off. Krasinski, che oltre ad essere stato regista ha interpretato anche il protagonista nel primo film, questa volta lascerà la regia nelle mani di Jeff Nichols e limitandosi al ruolo di produttore. Onestamente, non vediamo l’ora di vedere cosa ha ancora in serbo per noi questa nuovissima e freschissima saga.

millie bobby brown

Millie Bobby Brown sarà la protagonista di Damsel

A soli sedici anni Millie Bobby Brown è già un’attrice con una fama del tutto invidiabile. Dopo il successo ottenuto grazie al ruolo nella serie televisiva Stranger Things sono molti i titoli che l’hanno vista coinvolta e che hanno contribuito alla crescita del suo successo, molti di questi targati Netflix e tra cui il più recente è proprio il film Enola Holmes, uscito negli scorsi mesi e di cui vi abbiamo parlato qui. Sembra che la collaborazione tra la giovane attrice e la grande casa madre abbia ancora molto da dare: è infatti uscita negli scorsi giorni la notizia secondo la quale sarà proprio Millie Bobby Brown la protagonista del nuovo film fantasy firmato netflix Damsel. La pellicola sarà diretta da Juan Carlos Fresnadillo e racconterà la storia di una giovane principessa sacrificata ad un drago. Le notizie riguardanti il film non sono ancora molte ma la giovane star si è fatta conoscere principalmente per ruoli di personaggi femminili particolarmente forti e anche questo sembra avere tutte le carte in regola per non essere da meno. 

assassinio sul nilo

Disney rimanda ancora

Non sono pochi i rinvii cinematografici a cui abbiamo dovuto assistere negli ultimi mesi e, purtroppo, sembrano non essere ancora finiti. Nel pieno della seconda ondata della pandemia di Covid-19, la casa madre Disney ha dovuto prendere ulteriori decisioni riguardanti i prossimi film di punta previsti inizialmente per il 2020. Questa volta, ad essere stati colpiti sono titoli come Free Guy – Eroe per gioco, commedia diretta da Shawn Levy che vede protagonista Ryan Reynolds, e Assassinio sul Nilo, il nuovo adattamento dei gialli di Agatha Christie con Kenneth Branagh. Entrambi i film sarebbero dovuti uscire il prossimo dicembre ma sono stati rimandati a data da destinarsi, proprio perché al momento risulta quasi impossibile prevedere un rientro nei cinema in totale sicurezza. Questi ultimi sono solo due dei titoli vittime di continui rinvii: ricordiamo, infatti, anche titoli come Black Widow e Dune, già precedentemente rimandati. 

WandaVision ha finalmente una data

Dopo aver rilasciato il trailer di WandaVision qualche settimana fa, la casa madre dei supereroi sul grande schermo sembrava essere scomparsa nel nulla. Era da un po’ di tempo, infatti, che i fan richiedevano maggiori notizie riguardanti, nello specifico, la data di uscita dell’attesissima serie di Disney+. La serie sui due supereroi Marvel era prevista entro la fine dell’anno ma sono stati proprio i Marvel Studios, attraverso i loro canali social, ad avvisarci di pazientare ancora un po’: il 15 gennaio potremo finalmente vedere gli episodi completi. Insomma, ci sarà ancora un po’ da aspettare ma almeno ora abbiamo un punto d’arrivo definitivo. 

In arrivo Constantine 2

Sono passati circa quindici anni dall’uscita del cinecomic DC incentrato sul personaggio di Constantine con protagonista Keanu Reeves e, nel corso del tempo, più volte si è vociferato di un possibile sequel. Sembra che finalmente questa ipotesi stia divenendo realtà. Peter Stormare, attore chiamato nel primo film per interpretare il personaggio di Lucifero, ha pubblicato sul suo profilo instagram un particolare post annunciando l’inizio effettivo dei lavori per un reale sequel. Non sono ancora arrivate conferme ufficiali ma più volte sia l’attore protagonista che il regista si sono dichiarati pronti a tornare al lavoro non appena possibile. Non ci resta che aspettare nella speranza di una conferma ufficiale.

A quando la reunion di Friends?

Doveva uscire con il lancio di HBO lo scorso maggio ma, come in tutte le produzioni di quest’anno, anche l’episodio speciale di Friends che dovrebbe riunire tutti gli attori del cast originale in un nuovo episodio speciale di un’ora è stato rimandato. Matthew Perry ha però recentemente comunicato che l’episodio è stato programmato per l’inizio del prossimo marzo.

I The Jackal in una serie prodotta da Netflix

Generazione 56K sarà la nuova serie in otto episodi prodotta da Netflix e Cattleya realizzata in collaborazione con il famoso gruppo comico dei The Jackal, già protagonisti del film Addio fottuti musi verdi (2017). La serie, le cui riprese sono iniziate da poco, uscirà l’anno prossimo e seguirà la storia di due amici di infanzia attraverso l’avvento di internet negli anni 2000.

Fonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link
Powered by Social Snap